Bomarzo – Turismo

Bomarzo sorge tra i monti Cimini e la valle del Tevere un contesto di rara bellezza con tante cose da vedere e da fare, una natura lussureggiante, panorami mozzafiato, aree archeologiche ed il parco dei Mostri.

Il piccolo centro, ai confini nord orientali del Lazio, è di  origini contadine e deve la sua notorietà al vicino  Parco dei Mostri. 

Si potrebbe definire il paese delle favole, tanto è ben curato e mantenuto e per questo meriterebbe quell’attenzione che ben pochi invece gli rivolgono. 

Percorrendo i vicoli del paese  si ha la sensazione di essere scrutati attraverso gli scuri delle antiche finestre e dalle volte buie delle cantine. Invece la gente di Bomarzo è ospitale e aperta al forestiero che si inoltra nel suo territorio. 
Lo si avverte già dalla pulizia delle strade, dai davanzali e balconi ricoperti di fiori colorati, anche la più piccola finestrella ne possiede uno. Le origini sono lontane, ma ciò che si vede di più bello e di  interessante venne fatto costruire da Vicino Orsini, nato in  questa terra nel 1523. Fu uomo romantico e prode condottiero al servizio dello Stato Pontificio. 

L’esperienza vissuta in guerra rese Vicino un uomo più tranquillo e pacifico, e fu forse in memoria di tante atrocità che fece posare nella valle sottostante il borgo, in un meraviglioso parco, una serie di sculture fantasiose e grottesche, tanto che venne in seguito chiamato Parco dei Mostri.
Alla morte di sua moglie, Giulia Farnese, fece costruire nel parco, in sua memoria, un piccolo tempio dove, secondo le sue richieste, i sacerdoti della zona avrebbero dovuto commemorarla perpetuamente durante le messe. 

Cosa vedere a Bomarzo:

Palazzo Orsini: antico castello medievale al quale vennero apportate continue modifiche prima da Vicino e poi dal successivo proprietario, Ippolito Lante della Rovere. Internamente vi è conservata una cappella sotto la quale riposa il corpo di S. Moderato, un santo nativo del luogo, morto nel XVII sec.
Il Duomo: vicino al Palazzo Orsini sorge la chiesa medievale dal notevole campanile con orologio. Di origine medievale fu in parte ricostruito nel XVI sec. Sotto l’altare giace il corpo del santo protettore del paese, S. Anselmo.
Chiesa di S. Maria della Valle: fu eretta dai Lante della Rovere su un vecchio edificio, la facciata è preceduta da otto colonne libere.
Chiesa di S. Anselmo: la vecchia parrocchia è dedicata al santo del paese, il cui corpo si trova nella chiesa maggiore.
Parco dei Mostri: l’opera che ha reso famosa Bomarzo nel mondo, risale al XVI sec., voluta da Vicino Orsini fuori dalle regole artistiche ed architettoniche di quel periodo. Indubbiamente una grande opera che suscita suggestione attraverso mostruose e macabre sculture, come il Mascherone e l’Orco.
Orario per le visite: dall’alba al tramonto tutti i giorni.

Cosa vedere nei dintorni

Vitorchiano
Villa Lante
Viterbo
Soriano nel Cimino
Orte
Civita di Bagnoregio
La Piramide etrusca,

Visite Guidate a Bomarzo

Guide Turistiche Viterbo
Guide Specializzate su tutto il territorio della Tuscia.

Contattateci, vi daremo suggerimenti preziosi per pianificare il vostro soggiorno nella Tuscia.
Tel 0761 647044 – 327 3984629
www.guideviterbo.com

Prodotti Tipici Bomarzo
A Bomarzo si produce olio della Tuscia extra vergine di oliva DOP, Vino, Ortaggi ed il famoso Biscotto di Sant’Anselmo un dolce da 1 kg a forma di ciambella preparato con doppia lievitazione all’aroma di anice. Viene preparato in occasione della festa del Patrono, Sant’Anselmo, che si celebra ogni anno in aprile.

Acquista i Prodotti Tipici della Tuscia >>




© Testi e foto sono protetti dalla legge sul diritto d’autore

Bibliografia
Vecchi M., Nuova Guida della Tuscia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *