Orte Turismo

Il Borgo medievale arroccato, storia millenaria da scoprire in un centro tipicamente medievale, meta turistica con monumenti, angoli caratteristici e sorprese come la Orte Sotterranea

Dalla grande valle del Tevere, alle falde dei monti Cimini, si erge alta una cresta vulcanica sulla cui sommità c’è Orte, un baluardo tra il Lazio e l’Umbria, a dominare con la vista la campagna romana e le vette toscane. 
Orte si trova sul confine con l’Umbria, la provincia di Terni, di Viterbo e quella di Rieti, circa 8.760 abitanti a 132 mt sul livello del mare.

Probabilmente il nome deriva da Hort, la definizione etrusca per citare un luogo in altura. Furono i Falisci ad abitare, forse per primi, questo versante dei Cimini e poi gli Etruschi le cui testimonianze sono avvalorate dalla necropoli, ai piedi del paese.
A questo periodo risalgono gli innumerevoli reperti archeologici rinvenuti, ma ancor prima la zona fu abitata e frequentata dall’uomo di Neanderthal (150.000-40.000) anni fa. 

Quando l’Agro Falisco venne conquistato dai Romani, nel 310 a.C., Orte conobbe un periodo florido, grazie anche alla costruzione della via Amerina. Questa importante via di comunicazione si distaccava dalle campagne romane ed attraversava molti paesi, tra cui Orte.

Anche la via Flaminia giocò un ruolo determinante per il territorio ed ancora oggi rappresenta, insieme all’autostrada A 1, la spina dorsale della viabilità. 

Il fiume Tevere, allora navigabile, divideva il territorio dalla Sabina, ed il collegamento avveniva attraverso l’antico porto di Seripola.
Successivamente, in epoca Augustea,  per facilitare gli scambi ed incrementare l’economia, venne costruito un grande ponte per unire le due terre.

Il periodo medievale

Nel V sec. i Goti di Teodorico occuparono la città, pi gli scontri con i Bizantini, i Longobardi nel 580, fino al 739. Il loro re Liutprando lo donò alla Chiesa, consegnandola a papa Zaccaria che venne appositamente ad Orte per ricevere la consegna.
La donazione contribuì ad arricchire la prima donazione di Sutri che, insieme ad altri domini temporali, formarono il Patrimonium sancti Petri in Tuscia.

Ma trascorso un secolo circa di relativa tranquillità fu la volta dei Saraceni a devastare il territorio ortano. 

Durante il medioevo inizia l’espansione del nucleo urbano e la crescita del commercio fluviale tanto che la città si elesse Comune libero, vivendo comunque l’insidia delle contese tra famiglie potenti e le lotte intestine tra le fazioni guelfe e ghibelline.


Fu probabilmente l’epoca più significativa per la città che ancora oggi conserva un aspetto tipicamente medievale, dai pittoreschi palazzi, su cui si ritrovano ancora oggi gli antichi ferri per appendere i labari, e dagli stretti vicoli che si snodano lungo numerose contrad

Il borgo medievale di Orte è teatro dell’Ottava Medievale la spettacolare festa che, con sbandieratori, sfilate in costume d’epoca e gare di arcieri, evoca tempi in cui la città viveva nel suo massimo splendore. 

Ancora oggi Orte conserva un patrimonio architettonico rilevante, protetto e conservato dagli abitanti. 
Alcune meritevoli opere di restauro, infatti, sono state organizzate grazie al lavoro delle tre confraternite che tutelano il patrimonio storico.
Conservano anche antiche tradizioni e l’emozionante “processione del Cristo morto”, la più antica e suggestiva d’Italia, dove viene trasportato il prezioso feretro barocco. 

I membri delle confraternite vestono abiti bianchi, neri o rossi, alcuni portano catene ai piedi altri portano il peso di grandi croci o delle lanterne quattrocentesche; un profondo momento di raccoglimento. 

Cosa vedere e cosa fare a Orte? Giusto chiederselo perché di Orte non si dice molto ed invece ci sono molte cose da sapere sulla sua importante storia, i suoi monumenti ed il suo borgo medievale.

Quando si arriva all’autostrada, dalla superstrada o da Orte Scalo, si ha subito la visione della crosta di tufo su cui è arroccato l’antico borgo medievale di Orte.
Una posizione difesa naturalmente ed essendo posto in altura poteva controllare a vista un vasto territorio.

Cosa vedere a Orte

Cattedrale dell’Assunta: XVII sec., è stata più volte rimaneggiata. La sua  maestosa  facciata, preceduta da una suggestiva scala, domina la piazza principale e durante la festa viene usata come i gradini di un anfiteatro.

All’interno, molto ampio, conserva opere importanti, tra cui, nel transetto, due pregevoli organi intagliati e decorati in oro.
L’altare è composto da una antica pietra scolpita che poggia su due grandi capitelli in marmo. 

Museo Diocesano: l’antica chiesa di S. Silvestro, che oggi ospita il Museo, è stata costruita su un  preesistente tempio romano della Pace nel XII sec. Vi sono conservate opere di rara bellezza come il ritratto duecentesco di S. Francesco, il mosaico della Vergine Maria bizantina che guarda Salomè, VIII sec., proveniente dall’oratorio di Giovanni VII nella basilica di San Pietro in Vaticano, il dipinto del ciclo di storie di S. Egidio (di Lorenzo da Viterbo) ed altre importanti opere.
Per le visite  rivolgersi al direttore, Tel. 0761-403061. 

Museo Civico Comunale, un piccolo museo ma interessante per la storia locale, ospita reperti rinvenuti nel territorio di Orte e nel circondario, dal periodo etrusco, VI – III secolo a.C., romano e medievale, VI – XI sec.

Chiesa di S. Francesco, è del XVII sec. Recentemente restaurata dalle Confraternite è ritornata al suo splendore originale. All’interno sono conservate opere importanti come il pregevole altare ligneo intagliato e decorato, le tele dei sei altari laterali ed un piccolo prezioso sarcofago con bassorilievi ritrovato all’interno di un altare durante il restauro, la cui provenienza e datazione è ancora incerta, anche se si suppone appartenga al IV sec. 

Chiesa di S. Biagio: il piccolo edificio, restaurato dalle Confraternite,  è preceduto da una caratteristica scala e da una semplice facciata come semplice è l’interno. Notevole l’altare maggiore ligneo. 

Orte sotterranea

Cosa vedere nei dintorni di Orte

Vasanello
Gallese
Civita Castellana, il Duomo XII sec., la Rocca Borgia XV sec., il Museo dell’Agro Falisco
Bassano in Teverina, il borgo
Bomarzo, il borgo medeivale
Parco dei Mostri di Bomarzo
La piramide etrusca di Bomarzo
Vitorchiano, il borgo medievale
Il Castello Ruspoli

Visite Guidate ad Orte
Guida Viterbo, guide ufficiali per Viterbo e la Tuscia
Guide per gruppi di ogni età, scuole, individuali

Tel 0761 647044, 327 3984629
www.guideviterbo.com

Prodotti Tipici di Orte
Ad Orte si producono prodotti tipici di eccellenza come i famosi vini di Orte IGT e DOC, Olio della Tuscia extra vergine di oliva DOP, formaggi tipici, ortaggi ed insaccati

Acquista i Prodotti Tipici di Orte e della Tuscia >>




© Testi e foto sono protetti dalla legge sul diritto d’autore

Bibliografia

Vecchi M., Viterbo, Orvieto e la Tuscia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *