Castello Ruspoli di Vignanello

Il Castello Ruspoli è il risultato di continui interventi di ampliamento e riadattamento di un antico castello medievale. E’ uno degli esempi di architettura rinascimentale della Tuscia arricchito dei suoi preziosi giardini all’italiana.

La prima costruzione del castello venne eretta dai monaci benedettini che governarono il feudo dalla metà del IX secolo all’inizio dell’XI.
Nei secoli successivi essa subì vari attacchi a causa delle aspre contese tra i vari signori che si alternarono al dominio del borgo; ricordiamo ad esempio la distruzione avvenuta nel 1228 ad opera dei Viterbesi.

La forma attuale del castello è dovuta alla ricostruzione, forse su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane, avvenuta tra il 1531 e il 1538 e voluta da Beatrice Farnese e dal genero Sforza Marescotti.
La rocca medievale si trasformò così nel maestoso castello in pietra grigia che oggi vediamo.
La sua imponente mole, circondata da un profondo fossato, serrata da quattro bastioni angolari e coronata dalla merlatura ghibellina, domina il panorama del borgo contrapponendosi al volume solenne della chiesa di santa Maria della Presentazione.

Castello Ruspoli ed i suoi giardini

Visitando le sale, i ritratti appesi alle pareti ci mostrano i volti di coloro che hanno scritto pagine importanti della storia di Vignanello. Lo splendido fregio monocromo che orna il salone principale risale al periodo di Beatrice e Ortensia Farnese come testimoniano i gigli dipinti negli stemmi, mentre i vivaci affreschi che abbelliscono le volte delle camere con il ciclo pittorico dedicato alle Virtù vennero realizzati in occasione della venuta di papa Benedetto XIII nel 1725, recano infatti lo stemma di Francesco Maria Ruspoli e di sua moglie Maria Isabella Cesi.

Giardini di Castello Ruspoli

Giardino storico

Nel 1611 Ottavia Orsini, figlia di Giulia Farnese, decise di realizzare un giardino sulla dorsale del promontorio ad est del palazzo, articolato in varie parti: il Giardino di verdura, il Giardinetto segreto, posto ad un livello più basso, il Barchetto e il Barco posti sul lato sud del palazzo e usati per le battute di caccia.

Il Giardino di verdura costituisce certamente la parte più interessante e meglio conservata dell’intero complesso. Si sviluppa su uno spazio pianeggiante rettangolare posto in corrispondenza del lato orientale del palazzo.
E’ suddiviso in dodici parterre il cui perimetro è composto da siepi miste di alloro, lauroceraso, viburno tino e bosso, mentre i disegni interni sono formati da siepi di bosso meno alte; i parterre centrali racchiudono le iniziali di Ottavia Orsini e dei figli Sforza Vicino e Galeazzo.
Queste aiuole sono tra le meglio conservate che esistano in Italia perché il giardino appartiene tuttora alla famiglia Marescotti Ruspoli che ha tramandato nel tempo le tecniche di coltivazione e di manutenzione. Agli angoli di ogni parterre, negli antichi vasi di terracotta, spiccano le piante di limone. Al centro del giardino si trova una bella peschiera circondata da una balaustra in peperino.

Testo tratto da: Anna Maria Pacelli. Castello Ruspoli a Vignanello. Franco Maria Ricci. Milano 1999

Il Castello Ruspoli è aperto alle visite da Pasqua a fine ottobre, tutte le domeniche e i festivi, dalle ore 10.30 alle 18.00.

Intervista al principe Sforza Ruspoli

Visite Guidate, Servizi Turistici ed Accompagnatori al Castello Ruspoli
Disponiamo di Guide Specializzate per il Castello Ruspoli e le Ville dell’alto Lazio.

Contattateci, vi daremo suggerimenti preziosi per pianificare il vostro soggiorno nella Tuscia.
Tel 0761 647044 – 3273984629
www.guideviterbo.com

Visite guidate e Guide Turistiche Specializzate nella Tuscia >>

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *